Quasi 13mila vigili del fuoco in meno in tutta Italia, difficoltà anche per Taranto, la città dell’emergenza industriale e che di recente ha dovuto far fronte a numerose calamità naturali.

E’ sulla base di queste premesse che il coordinamento provinciale dei Vigili del Fuoco della Funzione Pubblica CGIL si prepara alla ricorrenza di Santa Barbara, patrona del corpo, ma con nulla da festeggiare.

“C’è poco da rallegrarsi e da festeggiare”, dicono dal coordinamento provinciale, che insieme alle le donne e agli uomini del corpo parteciperanno alla solenne cerimonia del 4 dicembre dentro la Concattedrale di Taranto.

L’approvazione della riforma del corpo (DL 127/20189) non ha portato alcun vantaggio – dicono – eppure i Vigili del Fuoco continuano ad essere il fronte più esposto delle mille emergenze di salvataggio e sicurezza del nostro paese.

“Abbiamo avuto alcuni segnali importanti – dicono – con l’arrivo, grazie all’intervento del nuovo dirigente di 16 unità, ma resta il problema dei mezzi che vanifica ogni sforzo volto al servizio della comunità”.