La Giunta comunale ha approvato nella scorsa seduta l’atto di indirizzo per la elaborazione del progetto di fattibilità tecnico economica del Sistema di Metro marittimo di Navigazione interna previsto dal PUMS (Piano Urbano della Mobilità Sostenibile).

Lo scenario che il Piano prefigura è quello di una città strutturata su di una efficiente rete di collegamenti di tipo pubblico, su sede stradale ed acquea (idrovie) che consenta di viaggiare in città, per necessità o per piacere, senza stress, con certezza dei tempi di percorrenza e di attesa.

L’atto deliberato dalla Giunta Melucci – commenta l’assessore all’urbanistica Augusto Ressa – mira a porre una puntuale attenzione alla progettazione dei luoghi di attesa e di sbarco, con particolare riguardo ai punti di approdo delle idrovie. Per queste ultime dovranno essere risolte le condizioni di contesto riferite ai fattori climatici ed al superamento dei dislivelli fra le banchine e la quota pedonale della relativa meta urbana, anche attraverso l’inserimento di ascensori o scale mobili protette.

In ogni caso dovrà essere garantita la gradevolezza e la sicurezza della sosta, la protezione dai fenomeni meteorici molesti, la cura e il decoro dei luoghi, per favorire ed incentivare l’uso del mezzo pubblico da parte di tutti gli utenti, con particolare riguardo agli anziani, ai bambini e ai diversamente abili”.