Il Comitato Calore della ASL TA ha effettuato la segnalazione di allerta Caldo per la condizione di LIVELLO 3 per i giorni 29-30-31 Agosto, 01 Settembre 2019.

Il livello 3 (ondata di calore) si riferisce a condizioni meteorologiche a rischio che persistono per tre o più giorni consecutivi e per le quali è necessario adottare gli interventi di prevenzione mirati alla popolazione a rischio. L’allerta viene inviato ai Distretti Socio Sanitari che provvedono a trasmettere l’informativa: ai Sindaci dei comuni di competenza; ai Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta e alle sedi di Continuità Assistenziale (Guardia Medica). Viene, inoltre, inviato ai Presidi Ospedalieri (per l’approntamento delle misure relative ai ricoveri) e al Servizio Emergenza 118.

A parte alcuni temporali sparsi, il weekend sarà anche caratterizzato dalla presenza di sole accompagnato da condizioni climatiche ancora tipicamente estive. Attese punte di 33/34°C. Lieve calo termico domenica soprattutto al Centro-Sud, per la maggior presenza di temporali, ma ancora in un contesto estivo. Proprio dalle prime ore della nuova settimana invece si assisterà ad un deciso cambio di rotta. Un fronte freddo in discesa dalla Francia raggiungerà lunedì le Alpi e le valicherà rapidamente, sospinto da più fresche correnti nord atlantiche che innescheranno diffusi temporali i marcia verso la Pianura Padana e nei giorni successivi fin verso le regioni meridionali.

Decisa rinfrescata da lunedì

Con l’ingresso del fronte nord atlantico e i conseguenti diffusi temporali le temperature subiranno un deciso calo soprattutto al Centro-Nord, con valori massimi ovunque sotto i 30°C, anche inferiori ai 25°C su alcune conche alpine e al Nordovest. Martedì il dilagare dell’aria fresca sull’Italia, diretta fino al Sud, comporterà un ulteriore calo termico su tutta Italia, tanto che non si andrà oltre i 21/24°C su buona parte della Val Padana, ma anche su Toscana, Umbria e Marche, 26/28°C sul resto del Centro-Sud, dove le temperature saranno destinate a calare ulteriormente nella giornata successiva.

Il tempo peggiorerà fin da subito al Nord con piogge, forti temporali, grandine e anche un deciso rinforzo dei venti di Bora e di Maestrale. Saranno proprio le correnti fresche occidentali che andranno ad alimentare la già presente area ciclonica sul basso Tirreno, con un conseguente peggioramento delle condizioni sulle regioni centro-meridionali. Insomma, una vera e propria burrasca che risparmierà forse solamente le estreme zone più occidentali del Nord. Per il resto nubi e precipitazioni saranno all’ordine del giorno, con termometri in picchiata. Tra martedì 3 e mercoledì 4, la fase burrascosa si andrà a concentrare soprattutto al Centro-Sud. L’area di bassa pressione sul basso Tirreno si muoverà gradualmente verso lo Ionio continuando a condizionare negativamente il meteo sulle regioni centro-meridionali.