La prima azione è il Protocollo per la Gestione Sanitaria e Socio-Sanitaria degli stranieri.

E’ uno strumento che fissa alcune regole e definisce dettagliatamente i percorsi assistenziali in merito all’assistenza sanitaria e socio-sanitaria degli stranieri. Esso si rivolge a tutti gli operatori sanitari e socio-sanitari operanti nel territorio dell’ASL Taranto.

La seconda consiste nel Progetto “FARI – Formazione Accoglienza Risposta Inclusione”, che vede coinvolte anche le ASL di Brindisi e di Lecce (l’ASL Taranto è capofila). Questo progetto si propone di migliorare e facilitare l’accesso ai servizi sanitari e socio-sanitari da parte degli utenti stranieri e di accrescere in loro la conoscenza dei servizi e delle procedure sociosanitarie mediante l’impiego di 15 mediatori linguistici e culturali presso le strutture ASL.

A questo si aggiunge la creazione di un’app multilingue volta a facilitare l’acquisizione delle informazioni sull’assistenza sanitaria e sui servizi sanitari e socio-sanitari offerti dall’ASL.