Manduria

Il Sig.Giovanni scrive una lettera di ringraziamento all’ospedale di Manduria.

“Mi chiamo Giovanni, ho 69 anni, e per 40 giorni la mia casa è stata un reparto d’ospedale.

L’ospedale Giannuzzi di Manduria, prima al pronto soccorso e poi al 4 piano medicina, dove sono arrivato con una polmonite bilaterale dovuta al Covid e dal quale sono uscito… sulle mie gambe.

O forse dovrei dire sulle mie gambe e, insieme, su quelle dei medici, degli infermieri, degli OSS e degli ausiliari che si sono presi cura di me.

 È a loro che vorrei dedicare questo mio pensiero. È a loro che vorrei dire… grazie!

Alla competenza e professionalità di quei medici, all’impegno di quegli infermieri, alle attenzioni e all’amorevolezza di quegli operatori socio-sanitari sanitari, alla correttezza e all’attenzione di ognuno dei tanti ausiliari che si sono avvicendati al mio capezzale.

Grazie al Cielo continuano a esistere occhi che, pur stremati da turni impossibili, vegliano su di te, nelle loro tute da astronauta, cercando con la tutta la forza possibile di colmare quel senso di abbandono e di solitudine che attanaglia i pazienti colpiti da questo terribile virus.

Grazie al Cielo anche qui, nel nostro amato Sud Italia, ci sono strutture che funzionano. E il Giannuzzi ne è una dimostrazione!

Non basterebbero tutti i “grazie” del mondo per ripagarvi del lavoro svolto. Mi avete salvato la vita. Ve ne sarò debitore sempre!

Con immensa stima, Giovanni Alò”.