La Medaglia di bronzo al Merito sportivo al boxeur Francesco Magrì e la Palma di bronzo al merito tecnico all’allenatore Cataldo Quero. Sono questi i due riconoscimenti attribuiti dal Comitato Olimpico Nazionale ai due rappresentanti della Quero-Chiloiro Taranto, società operante per il pugilato dal 1970. “Si tratta di due nuove onorificenze – comunica la società rossoblù – che vanno ad arricchire la nostra storia, spesa da quasi mezzo secolo a favore dello sport come mezzo sociale”.

Francesco Magrì, ventuno anni, è l’ultimo dei talenti lanciati dalla società pugilistica di via Emilia a Taranto. In sette anni di dilettantismo, l’atleta tarantino ha conquistato 71 vittorie su 96 match. Balzati alla cronaca nazionale le affermazioni al Campionato italiano “Assoluti” della categoria Welter (69 kg) ed il Guanto d’Oro vinti nella stagione 2017.

Cataldo Quero, dapprima boxeur dilettante e professionista, con presenze nella Nazionale azzurra, ora trentaseienne, guida la Quero-Chiloiro da tecnico ed event manager, ed è coordinatore del settore giovanile della Federazione Pugilistica di Puglia-Basilicata e membro della commissione tecnica giovanile della Federboxe nazionale. La sua benemerenza ottenuta dal Coni nazionale “è uno stimolo – commenta il premiato – a continuare ad operare con impegno per il bene dell’arte nobile del pugilato e del territorio tarantino”.