Questo pazzo mese di Maggio si avvia ormai alla sua conclusione e sempre condizionato da una situazione meteorologica davvero complicata. Il brutto tempo sembra proprio non volerne sapere di abbandonare l’Italia e in queste ore qualche pioggia è in atto su alcuni tratti dell’estremo Nord Est, su alcune regioni del Centro fino alla Campania e alla Calabria anche se non si segnalano al momento eventi di particolare rilevanza.

Nonostante questo temporaneo momento di pausa, il nostro Paese rimarrà comunque in una TRAPPOLA DI MALTEMPO che potrebbe ulteriormente aggravarsi nel corso della giornata. Insomma, il PEGGIO ARRIVERA’ NELLE PROSSIME ORE con una ennesima SFURIATA di forti piogge, temporali, locali nubifragi, grandine anche GROSSA con rischio danni alle auto e pure freddo e neve.
Vediamo DOVE colpirà con maggior veemenza questa ennesima fase di forte MALTEMPO.

Il clou del maltempo arriverà fra il pomeriggio e la sera quando un fronte freddo valicherà l’Arco Alpino andando ad alimentare la formazione di un vortice di bassa pressione, il quale, innescherà la prevista forte ondata di maltempo. La situazione infatti subirà un drastico peggioramento su tutto il Nord ad eccezione della Valle d’Aosta e dell’alto Piemonte.
Occhi puntati invece su bassa Lombardia, Emilia Romagna, basso Veneto e triestino dove, soprattutto in serata e durante la notte successiva, si avranno rovesci, nubifragi ed intensi temporali con grandine con rischio allagamenti e problemi ai corsi d’acqua specie in Emilia Romagna.
L’aria fredda che alimenta questo intenso peggioramento riporterà la NEVE sull’arco alpino orientale e centrale fino a quote prossime ai 1600-1700 metri. Situazione più tranquilla invece al Centro Sud con qualche piovasco limitato all’area Appenninica e alle coste campane. Le temperature subiranno una brusca ed iniziale diminuzione sul Nord Est.

Riassumendo, le zone più a rischio, specie dalla sera e nelle primissime ore di domani, saranno:

Liguria di levante/alta Toscana, con la possibilità di fenomeni temporaleschi violenti e trombe marine lungo le zone costiere.

Emilia Romagna, le province più a rischio saranno quelle di Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Ravenna e Ferrara su cui la Protezione Civile ha emesso un’ALLERTA ARANCIONE. Nel comunicato si legge inoltre della possibilità di allagamenti a causa delle abbondanti precipitazioni a carattere temporalesco che andranno ad ingrossare fiumi e torrenti.

bassa Lombardia/basso Veneto, attesi temporali localmente intensi, con grandinate sulle pianure specie quelle di Lodi, Cremona, Mantova, Rovigo, Verona, Vicenza e Padova. Anche qui è presente un’ALLERTA GIALLA della Protezione Civile.

Le avverse condizioni meteo insisteranno poi per tutta la giornata di Mercoledì dapprima sui settori nordorientali ma in seguito anche sulle regioni centrali e su parte del Sud in un contesto di freddo quasi autunnale.