Non so a cosa si riferisca il Presidente Giuseppe Conte nel suo ultimo post sui social, io resto alle sue parole a Taranto lo scorso Natale, erano parole di svolta verde per la comunità, non di acciaio a ciclo integrale, ormai dichiaratamente incompatibile con la vita umana dovunque in Italia ed in Europa.”

Il Sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, continua a sostenere la sua intransigente linea contro i recenti sviluppi della questione relativa al futuro dello stabilimento siderurgico ex Ilva, rinforzato nelle sue convinzioni anche dalla recente chiusura dell’aera a caldo dello stabilimento di Trieste.

“Noi – incalza Melucci, lanciando un chiaro monito al Governo centrale – il presunto accordo di marzo non lo conosciamo, il Governo ci ha negato anche l’accesso agli atti, noi accordi segreti sulle teste dei tarantini li riteniamo irricevibili. Bisogna discutere di tecnologie e relazione con la città, non di governance interna alla azienda.

Palazzo Chigi avrà collaborazione solo se avrà il coraggio di correggere il tiro.