Il secondo step del fine settimana seguirà più o meno il medesimo percorso del sabato. Un’area di alta pressione nord africana continuerà infatti a mantenere condizioni meteo tutto sommato più da ESTATE che da AUTUNNO. Tuttavia la DOMENICA potrebbe comunque essere in parte minacciata da qualche trappola. Vediamo di cosa si tratta.

Nonostante la presenza dell’anticiclone africano, dobbiamo ricordarci che siamo ormai arrivati alla fine della prima metà del mese di ottobre. In questo periodo dell’anno, come giusto che sia, le alte pressioni non riescono a garantire la stabilità assoluta che caratterizza invece i mesi estivi. Gioco forza, dobbiamo attenderci alcuni disturbi che si tradurranno in una maggior nuvolosità dovuta ad infiltrazioni d’aria umida atlantica.

A Taranto le temperature raggiungeranno i 29° e qualcuno ha già preparato il costume per l’ultimo bagno del 2019.

Le aree dove il sole sarà maggiormente disturbato dalle nubi saranno quelle del Nord, le aree interne e tirreniche del Centro e la Sardegna. Verso il pomeriggio e la sera non sono nemmeno da escludersi deboli piogge a ridosso della Liguria e delle coste più settentrionali della Toscana. Prestare attenzione anche alle nebbie sulle zone pianeggianti del Nord e nelle vallate interne del Centro dove, nottetempo e nelle prime ore del mattino, si avranno sensibili riduzioni alla visibilità. Sul resto del Paese un caldo sole invece, continuerà ad avvolgere la domenica mantenendo un’atmosfera praticamente estiva. Le temperature infatti risulteranno un po’ ovunque superiori alla media ma specialmente sulle regioni meridionali e sulle Isole Maggiori.

Dalla serata inoltre, assisteremo ad un ulteriore incremento della nuvolosità al Nordovest e sull’area tirrenica per l’approssimarsi di una perturbazione atlantica che interesserà il nostro Paese con gli inizi della prossima settimana.