Nemmeno il tempo di leccarsi le ferite, ed ecco che l’Italia torna a fare i conti con l’annunciata e nuova ondata di tempo perturbato. I primi segnali che la situazione sta radicalmente cambiando sono ben visibili in queste ore al Nord Italia dove, la nostra consueta CRONACA DIRETTA, ci porta a segnalare lo sviluppo di rovesci sparsi e qualche temporale sull’area alpina e prealpina. Ha persino ripreso a cadere la neve sui comparti alpini occidentali seppur a quante piuttosto alte. Ma il PEGGIO ARRIVERA’ FRA POCHE ORE quando è atteso un ulteriore aggravamento delle condizioni meteorologiche accompagnate da forti temporali, NUBIFRAGI e GRANDINE ormai IMMINENTI. ECCO DOVE.

Sul fronte Meteo, il percorso pomeridiano, sarà segnato dall’arrivo di intensi rovesci temporaleschi, locali nubifragi e anche grandinate in movimento delle aree alpine e prealpine verso le zone pianeggiati della Lombardia, lungo le vallate del Trentino, in rapido spostamento verso il Friuli Venezia Giulia, il Veneto e i settori settentrionali dell’Emilia. Verso sera un occhio di riguardo al comparto centro meridionale del Friuli Venezia Giulia dove intensi nubifragi faranno cadere al suolo ingenti quantitativi di pioggia e grandine in poche ore e capaci di provocare improvvisi allagamenti. Forti rovesci colpiranno altersì l’Emilia ed i settori nord della Romagna. Nel contempo altre piogge bagneranno la Toscana, le Marche, fino all’Umbria e il Nord del Lazio.

Facendo un piccolo passo in avanti, arriviamo alla notte successiva dove le pessime condizioni Meteo, dal settore friulano, scenderanno molto velocemente, sospinte da forti venti di Bora, verso la Romagna per poi raggiungere nel corso della tarda notte i settori adriatici del centro specie le Marche, anch’esse colpite da improvvisi ed intensi acquazzoni e locali nubifragi.