I Carabinieri della Stazione Taranto, al termine di un’articolata indagine scaturita lo scorso mese di giugno a seguito del decesso per overdose di un giovane tarantino, hanno tratto in arresto un uomo residente da anni a Taranto, responsabile di aver ceduto la dose mortale di stupefacente al ragazzo. In particolare i Carabinieri, ricostruendo con minuzia la vicenda, hanno appurato che l’uomo, pur essendo a conoscenza dello stato di salute del giovane e della sua acuta tossicodipendenza, gli cedeva, previo pagamento, più dosi di sostanza stupefacente del tipo “metadone” fino alla data in cui la vittima decedeva a causa di insufficienza cardiocircolatoria provocata dall’assunzione di suddetta sostanza.