“Ho accolto con soddisfazione l’annuncio del Ministro della difesa Guerini, dell’assunzione di 300 nuove unità lavorative nell’Arsenale di Taranto, nell’ambito dell’intervento complessivo che va sotto il nome di “Cantiere Taranto”.
Avevo avuto modo di sottolineare più volte, in passato, che va salvaguardato il ruolo pubblico delle manutenzioni che si svolgono in Arsenale, va garantito il turn over e va messo in campo un piano di formazione del personale sulle nuove unità navali, che sono tecnologicamente molto avanzate e quindi richiedono competenze altamente specializzate. 
Per queste ragioni, per evitare che  all’Arsenale di Taranto venisse affidato solo il compito di stazione appaltante e di controllo sui lavori, con la conseguente perdita dei lavori di manutenzione su navi ad altissime tecnologie, era necessario intervenire al più presto con un piano straordinario di assunzioni qualificate.”
Cosi Mino Borraccino, Assessore allo Sviluppo Economico Regione Puglia.