“Ottimi segnali in arrivo nella legge di bilancio, per il settore Sanità, grazie alle proposte del Ministro Speranza che sta lavorando proficuamente in un ambito tanto delicato quanto fondamentale.” E’ quanto comunica l’Assessore Regionale allo Sviluppo Economico Mino Borraccino in una nota ai media.

“Negli ultimi anni infatti la mancanza di interventi coraggiosi in materia di politica sanitaria, ha portato risultati distruttivi per il tessuto sociale, provocando al contempo carenza di personale e minor accesso alle cure da parte dei cittadini. – commenta Borraccino – I più recenti dati infatti lanciano un allarme: : oltre 6 milioni di persone che hanno rinunciato del tutto a curarsi, 2 dei quali addirittura non acquistano nemmeno i farmaci, il sistema pubblico inoltre rischia il collasso con la previsione di un’emorragia di medici e specialisti nei prossimi 5 anni. Sulle soluzioni, il Ministro Speranza sta dando prova di impegno con una serie di interventi e proposte volti a garantire efficacia nel diritto alle cure costituzionalmente garantito. A tal proposito, il Ministro ha immediatamente lavorato all’abolizione del superticket, una vera e propria tassa sulla salute. Ci saranno a partire dal primo settembre 2020, dieci euro in meno sulle visite specialistiche che ci auguriamo possano aiutare e permettere a molti, che oggi hanno difficoltà ad accedere alle cure, di fruire delle prestazioni sanitarie di cui necessitano.”

“Articolo uno ha così dimostrato di voler intervenire celermente su uno dei nodi più critici del settore e dell’intera società, quello della diseguaglianza, che sempre combattiamo. Un grosso impulso occorre dare inoltre alle liste d’attesa.  – prosegue l’Assessore – A tal porposito il Ministro ha annunciato che nella legge di bilancio punterà a trovare fondi per l’acquisto di strumenti diagnostici per i medici di famiglia, in modo da consentire indagini di primo livello, ridurre le liste di attesa ed effettuare accertamenti direttamente nello studio del medico di famiglia. In tal modo si ridurrebbero anche le file al Pronto Soccorso, decongestionando così gli ospedali e ottimizzando gli accessi e la possibilità di intervento. Importanti interventi sono previsti anche in materia di personale sanitario e di edilizia sanitaria, cercando di incrementare i fondi stabiliti e di colmare i 6000 posti vacanti negli organici al fine di rendere le politiche sul personale più adeguate e rispondenti alle esigenze che arrivano dalle nostre comunità, dagli ospedali e dai territori.”

“Un grande e importante lavoro quello del Ministro Speranza, che in poche settimane, è riuscito a dare una impronta significativa nelle politiche per la salute, avviando una fase di misure concrete e linee programmatiche ispirate ai valori che intendiamo difendere e rendere fattivi : l’uguaglianza, la solidarietà, il lavoro, i diritti.” conclude la nota.