Sono stati oltre 100 gli studenti tarantini di Scuole di ogni ordine e grado che hanno preso parte all’incontro sulla Sicurezza stradale che si è tenuto stamane in Prefettura con la partecipazione del Comandante Provinciale della Polizia Stradale Nicola Manzari, del Comandante della Polizia Municipale di Taranto Michele Matichecchia e del Dott. Donato Fusillo del Reparto neurologia dell’Ospedale di Taranto.
Il Prefetto Donato Cafagna, che ha promosso l’iniziativa, d’intesa con l’Associazione Italiana Familiari Vittime della Strada, nel quadro delle celebrazioni per la  Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada, ha sottolineato lo stretto collegamento esistente tra educazione stradale ed educazione civica, ponendo in evidenza come la strada sia una dei luoghi in cui si misura la civiltà di una comunità.
E’ seguito un vivace confronto al quale hanno dato vita i relatori e i giovani che ha posto in luce le principali cause di incidente, quali la distrazione, dipendente soprattutto dall’uso del cellulare, la velocità, l’uso di alcol e droghe e le conseguenze talvolta drammatiche sulla salute.
Particolarmente toccante la testimonianza del Presidente dell’Associazione Italiana Familiari Vittime della Strada, che si è soffermato sugli aspetti, anche psicologici, che seguono alla perdita di persone care a causa di incidenti stradali.
Tra le Scuole partecipanti, una menzione particolare meritano i giovanissimi alunni dell’Istituto comprensivo “Viola”, coinvolti nei progetti “Minivigili” e “Pedibus”, che li vedono impegnati non solo a conoscere le regole della strada, ma a metterle in atto nel ruolo di vigili e pedoni.