Ventidue ragazze provenienti da ogni parte del mondo in Puglia, per il progresso e per una settimana all’insegna dell’integrazione, in cui visiteranno luoghi di cultura.

Le giovani delegate vivranno fianco a fianco una vera e propria esperienza multisensoriale che le porterà a conoscere da vicino la storia, le tradizioni e le bellezze naturali e artistiche della terra che le ospita. I progetti elaborati da ciascuna partecipante, dedicati ad ambiente, salute e diritti umani, evidenziano drammatiche realtà spesso del tutto sconosciute ed è compito della giuria determinare quello più fattibile, premiandolo con un sostegno alla sua realizzazione. Miss Progress International è un format internazionale organizzato dall’associazione culturale In Progress di Carosino ed è iniziato venerdì 27 settembre, quando le concorrenti e i loro accompagnatori sono stati accolti all’aeroporto di Brindisi per poi recarsi nel quartier generale del Grand Hotel dei Cavalieri di Maruggio. I dettagli dell’evento sono stati comunicati questa mattina nel corso della conferenza stampa svoltasi nella galleria del centro commerciale Porte dello Jonio alla quale hanno partecipato Giusy Nobile, presidente dell’associazione culturale In Progress, Giuseppe Borrillo, direttore del concorso, la colombiana Eyra Baquero, vincitrice dell’edizione 2018, Mauro Tatulli, direttore della galleria del centro commerciale Porte dello Jonio e Fabio Millarte, presidente del W.W.F. “Siamo lieti di aver ospitato nella galleria del centro commerciale la presentazione di un evento importante come questo – ha dichiarato Mauro Tatulli – perché siamo sensibili alle tematiche di genere che in questo caso esaltano il ruolo della donna”. La finale mondiale di Miss Progress International si terrà venerdì 4 ottobre alle 21 nel teatro comunale di Carosino.

Il format di Miss Progress International esalta la figura della donna impegnata nel sociale e si fa portavoce di tematiche importanti e di stringente attualità. Domenica 29 settembre sarà la giornata dedicata al tema della salute: le ambasciatrici del progresso accompagnate dal pubblico partecipante daranno vita a un corteo per le vie di San Giorgio Jonico per la “Marcia in rosa”. Tutti potranno acquistare presso il gazebo allestito in piazza San Giorgio la loro t-shirt rosa, contribuendo alla raccolta di fondi che saranno destinati alla Fondazione IEO-CCM di Milano e la somma raccolta servirà per finanziare il progetto Women’s Cancer Center. Chi vorrà partecipare è invitato a recarsi in Piazza San Giorgio alle 9,30 e il via alla marcia non competitiva sarà dato alle 10 dalle dottoresse Daniela Iacobone (ginecologa) e Germana Lissidini (senologa) dell’Istituto Europeo di Oncologia.

Dall’1 ottobre il gruppo multietnico sarà impegnato nella scoperta del nostro territorio: martedì sarà la volta dei caratteristici trulli di Alberobello e dell’elegante Martina Franca, dove parteciperanno ad un pranzo tipico della Valle d’Itria al ristorante Four Season. Sarà la giornata dedicata al tema della salute e si visiterà la “Palude La vela”, l’Oasi curata dal WWF e anche sede della Scuola Volontari dell’Aeronautica Militare (S.V.A.M.). Mercoledì 2 ottobre, nella giornata dell’integrazione culturale le ambasciatrici del progresso si recheranno a Oria, che le accoglierà omaggiandole con la festa delle bandiere insieme ai tradizionali sbandieratori cittadini. Nel pomeriggio si ritornerà a Maruggio per visitare la caratteristica Masseria Olivaro, per una degustazione di prodotti locali lattiero-caseari. Le ambasciatrici del progresso concluderanno il soggiorno italiano sabato 5 ottobre. Dopo la sessione fotografica della mattina, il gruppo multietnico si recherà nella splendida Masseria Quis ut Deus di Crispiano, immersi nella natura per degustare prodotti locali. In serata le ragazze saranno protagoniste della festa di “arrivederci” organizzata dall’ Of Akkademia Parrucchieri, per salutarle ed invitarle a ritornare nella nostra Puglia.