raccolta differenziata cassonetti ingegnerizzati

Volontari per la differenziata. È partita questa mattina l’iniziativa di sensibilizzazione dedicata alla raccolta differenziata, una collaborazione di Kyma Ambiente con le associazioni di “Rete a Raccolta”.

I volontari che hanno aderito al progetto supporteranno gli utenti per garantire un corretto conferimento dei rifiuti nelle mini isole ecologiche del Borgo.

Presidieranno mattina e pomeriggio (secondo apposito calendario) le postazioni ingegnerizzate, fornendo un aiuto ai cittadini e segnalando eventuali criticità.

Al lancio ufficiale dell’attività, che rappresenta la prima esperienza di questo tipo, erano presenti il presidente Giampiero Mancarelli, il sindaco Rinaldo Melucci, l’assessore Paolo Castronovi, le associazioni e i volontari.

Le associazioni che hanno risposto all’avviso pubblico sono 5 (Retake Taranto, Pro Loco Capo San Vito, Pro Loco Lama, Federconsumatori e Pittaggio del Baglio), mentre i volontari impegnati sono 24.

«Kyma Ambiente si mette a disposizione di questo “esercito della civiltà” – ha commentato il presidente Mancarelli – e con questa iniziativa promuoviamo una volta di più la collaborazione della nostra azienda con le varie anime dell’associazionismo ambientalista.

I numeri della raccolta differenziata a Taranto stanno migliorando, ma con questa attività puntiamo a fare ancora meglio».

«Siamo molto contenti – ha dichiarato il sindaco Melucci – perché questi volontari, anche molto giovani, decidono di affiancare Kyma Ambiente nella sensibilizzazione dei cittadini a un corretto utilizzo dei cassonetti ingegnerizzati. La partecipazione di questi cittadini significa che sta entrando nelle corde di tutti il cambiamento».

«È fondamentale il coinvolgimento delle associazioni – ha dichiarato l’assessore Castronovi – perché con “Rete a Raccolta” si diffonde quel sentimento della raccolta differenziata che ci consentirà di aumentare la percentuale e diminuire la Tari».