scuola
foto da archivio

Dopo l’iniziativa “La natura entra in classe”, che ha visto l’amministrazione Melucci protagonista nella distribuzione di 1000 piantine antinquinanti nelle scuole cittadine, un altro progetto della Società Italiana di Medicina Ambientale trova il pieno supporto dell’esecutivo guidato dal sindaco Rinaldo Melucci.

Alcuni edifici scolastici cittadini, infatti, sperimenteranno l’applicazione di dispositivi per la misurazione della qualità dell’aria indoor, nell’ambito del progetto “Misuriamo la CO2 a scuola”.

Si tratta dei dispositivi Nose realizzati dall’azienda Befreest, già impiegati nelle scuole “Giusti” e “Deledda”, nel quartiere Tamburi e “Frascolla” a San Vito, che saranno tarati per controllare, attraverso la concentrazione della CO2, l’areazione in classe per conoscere e ridurre il rischio di trasmissione di covid-19.

«Con Befreest l’amministrazione Melucci aveva già in piedi una proficua collaborazione – le parole del sindaco Melucci –, con il progetto “Misuriamo la CO2 a scuola” della SIMA ne eleviamo lo standard, a totale vantaggio degli alunni.

Questa buona pratica conferma come l’amministrazione Melucci sia attenta alle innovazioni che impattano positivamente sulla qualità della vita dei cittadini, e in particolare degli studenti, sostenendo le realtà produttive che operano nel territorio.

Soprattutto, questi progetti ci permettono di creare maggiore consapevolezza nelle giovani generazioni rispetto a temi di fondamentale importanza».