«Un acquario realizzato non solo come spazio espositivo dove incontrare flora e fauna del mar Jonio, ma anche come componente di un progetto più ampio che vede la creazione di un centro di ricerca scientifica e di formazione sulla filiera del mare sul nostro territorio? Se questa è l’idea progettuale che vorrebbero realizzare a Taranto, la prima risposta che ci viene è: vediamo il progetto, approfondiamo l’argomento, i pro e i contro e soprattutto i benefici economici ed occupazionali che porterebbe un insediamento simile nella città dei due mari.» E’ quanto afferma in una nota Confartigianato Imprese Taranto.

«Perché – prosegue la nota dell’associazione datoriale – se il tutto è fattibile, positivo, il progetto è serio anche naturalisticamente parlando, non possiamo assolutamente perdere occasioni di sviluppo simili; per poi piangerci addosso quando le vediamo realizzate altrove e magari a pochi chilometri da noi. Tanto poi, come al solito, ci mettiamo tutti in fila sulla strada a fare i chilometri per andarle a visitare. Sarà così!
Come Confartigianato rispettiamo tutte le posizioni, ci mancherebbe, ma come portatori degli interessi economici sul territorio chiediamo al Comune, alla Regione e tutti gli altri attori pubblici e privati del territorio di adoperarsi per verificare la bontà della proposta che l’operatore privato sarebbe intenzionato a fare, sperando che non ci abbia già ripensato; non ci possiamo certamente permettere il lusso di non approfondire alcuna opportunità a priori, si deve invece discutere, coinvolgendo tutte le parti, e poi si deve decidere serenamente e democraticamente.

Un’opportunità del genere, consentirebbe a Taranto di aumentare la propria offerta culturale, naturalistica e di intrattenimento; le potenzialità che un acquario proporrebbe al suo pubblico di riferimento modificherebbe sicuramente l’immagine dell’intero territorio sia nel panorama delle offerte turistiche e culturali regionali che, crediamo, se ben gestito dal punto di vista del marketing, delle offerte ai flussi turistici nazionali e internazionali.

Basta dare una occhiata ai numeri che contraddistinguono altre realtà dove è presente un acquario – conclude la nota di Confartigianato Imprese Taranto, il numero dei visitatori che scelgono il posto come meta del loro percorso di vacanza o di viaggio ed il giudizio positivo da loro espresso. Immaginate quindi che risvolti economici e culturali ci sarebbero per il territorio. »