Pubblicità in concessione a Google

Nei giorni scorsi l’Ambito di Taranto ha firmato la delibera del coordinamento istituzionale per poter presentare alla Regione Puglia il programma antiviolenza denominato “Una valigia per ripartire”.

Pubblicità in concessione a Google

La delibera è stata firmata dall’assessore al Welfare Gabriella Ficocelli, delegata dal sindaco Rinaldo Melucci quale presidente dell’Ambito, insieme a dirigenti e funzionari degli enti coinvolti.

Azioni di contrasto alla violenza

«Il programma antiviolenza – ha spiegato Ficocelli – avrà l’obiettivo di potenziare e creare un confronto continuo con le realtà locali, regionali, nazionali, per attuare un lavoro avente un’ottica olistica e sempre più di rete, coinvolgendo quindi chi, a vario titolo, può intervenire nel coadiuvare la fuoriuscita dalla violenza.

In tale ottica sarà garantita una metodologia integrata di presa in carico della donna con o senza figli da parte di tutti i soggetti facenti parte della rete antiviolenza territoriale, al fine di accompagnarla verso percorsi di autonomia e di autodeterminazione».

A chi rivolgersi in caso di necessità

Le notizie di violenze ed abusi contro donne e soggetti deboli sono purtroppo all’ordine del giorno.

Chi sia vittima di questi atti scellerati o ne abbia in qualche modo notizia può rivolgersi alle Forze dell’Ordine sia direttamente che attraverso il numero generico di emergenza 112. Un aiuto più specifico può essere richiesto contattando – sempre telefonicamente – il numero 1522. collegato alla rete dei Centri Antiviolenza e alle altre strutture per il contrasto alla violenza di genere presenti sul territorio.

Verranno fornite informazioni sui Centri Antiviolenza più vicini e sui Consultori presenti nel territorio, a cui rivolgersi in caso di necessità. Il numero è attivo 24 ore su 24 per tutti i giorni dell’anno ed è accessibile gratuitamente, sia da rete fissa che mobile, con un’accoglienza disponibile nelle lingue italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo.

Il servizio mediante l’approccio telefonico sostiene l’emersione della domanda di aiuto, consentendo un avvicinamento graduale ai servizi da parte delle vittime con l’assoluta garanzia dell’anonimato.

Pubblicità in concessione a Google